free responsive website templates

POZZUOLI

Cuore dei Campi Flegrei, a centro del golfo meraviglioso che si dispiega tra i promontori di Posillipo e di Miseno, Pozzuoli ha giocato un ruolo fondamentale nella vicenda storica di questa terra, che ha caratterizzato cicli di civiltà e tuttora offre un vasto campionario di fenomeni scientifici e un paesaggio inconfondibile.

Occupata dai Cumani nella loro spinta espansionistica lungo l’arco di quel golfo, che da loro fu chiamato "cratere cumano", Pozzuoli rappresentò uno dei cardini della potenza navale di Cuma, una delle chiavi della sua strategia sul mare.

… Gruppi, provenienti dall’isola greca di Samos, sbarcarono a Pozzuoli intorno al 528-529 a.C. e fondano sull’acropoli la colonia di Dicearchia.

Dicearchia significa "governo giusto" o "dei giusti", volendosi ribadire che a Samos, da loro abbandonata, un governo dispotico aveva preso il sopravvento.

… La calata devastatrice dei Sanniti su Cuma, travolge nel 420 a.C. anche il territorio della nobile e vetusta polis della Magna Grecia. Così, sotto i colpi degli scatenati Sanniti crolla Dicearchia, che passa sotto l’influenza e nell’orbita della grande rivale del mondo ellenico, Capua.

… Pozzuoli pagò duramente, come del resto tutta la zona Flegrea, l’invasione annibalica.

Quando i legionari di Roma si portarono nella roccaforte dicarchica per rafforzarla e tenerla fuori dalle grinfie del grande condottiero cartaginese, ebbero modo di constatare l’estrema indigenza, in cui versava, nell’infuriare della seconda guerra punica.

Fu nel 215 a.C. che – per decisione del Senato di Roma – Dicearchia (divenuta poi Puteoli) fu occupata da Quinto Fabio, che vi stabilì un presidio militare.

… Nel 194 a.C., l’antica Dicearchia (dicaiarchia) dei greco-sami si fregia del nome romano, da cui deriva l’attuale eponimo. Diventa colonia.

Gianni RACE "Baia Pozzuoli Miseno: L’IMPERO SOMMERSO"


…Ma quale fu il motivo, che spinse i Romani a battezzare Dicearchia col diminutivo di "piccoli pozzi"?

… Il dotto filologo Terenzio Varrone, che dalle parti di Baia possedeva una villa, non ha dubbi nell’affermare che Puteoli derivi "a puteis" cioè dai "pozzi" e Puteoli è un diminutivo al plurale (puteolus, puteoli). Varrone si richiama all’abbondanza delle acque fredde e calde, non trascura nemmeno il "putore" dello zolfo e dell’allume, che sprigiona sia il Forum Vulcani (la Solfatara), sia i tanti spacchi del suolo fumarolico. Per Strabone la romana Potioloi non si spiega che coi tanti piccoli suoi pozzi e fa un pensierino anche alle acque minerali.

Gianni RACE "Pozzuoli: storia, tradizioni e immagini"

DOVE SI TROVA

SITI DI INTERESSE IN ZONA